Premessa:

Cito da un'articolo de' Il piccolo' pagina di Monfalcone: '.... spiega l’assessore Morsolin -. E’ quanto è accaduto anche con gli occupanti di casa Mazzoli in via Don Bosco. Che poi l’occupazione sia illegale e faccia scattare provvedimenti di sgombero ed eventuali denuncie è un’altra questione». In base ad alcune sentenze emanate dal Foro di Gorizia dalle quali cito testualmente: ' .......  PQM . Visto l'articolo 530 cpp del reato sub a) perchè non perseguibile ex art. 54 c.p. ........ '. Quando chiedo le motivazioni di questo agire al Sindaco di Monfalcone , questo non risponde. Ma dove sta il reato ed il fatto illecito da questi tanto sbandierato?  

Dal conto suo la Regione Friuli Venezia Giulia crea procedura LEGISLATIVA attraverso la quale si può partecipare al bando A .T.E.R.  di Gorizia per l'assegnazione di un'alloggio d'edilizia pubblica per i casi altrimenti esclusi dalle vigenti normative. Questo fatto è chiaramente una sanatoria per l'atto illegale d'aver precluso tale accesso a coloro che hanno compiuto l'orrendo crimine dell' Assegnazione Senza Titolo. C'è una richiesta del percorso realizzato, che ovviamente non ha ottenuto alcuna risposta.

Conclusioni:

Vista la 'sanatoria' sotto riportata è evvidente l'inamissibilità:

- Della richiesta di sloggio dall'immobile pubblico precedente alla sentenza del Tribunale se non motivata da neccessità impellenti da parte dell' Ater di disporre dell'immobile.

- Lo sloggio dell'inquilino senza titolo senza una diversa sistemazione da parte dell' Amministrazione locale, Servizi Sociali, o da un'azione in deroga da parte degli enti interessati ( Assessore ai Servizi Sociali del Comune o Sindaco e Presidente Ater ) che risolva la situazione.

LA prospettiva di un reato politico

Condividi

( Ulteriori dettagli non resi pubblici per motivo di sicurezza e copyright non registrato ).
  

Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!